Come eliminare un’immagine Docker

Esistono differenti comandi che ci permettono di eliminare un’immagini Docker che non ci occorre più.

Il comando principale è

				
					docker image rm busybox
				
			

È necessario precisare però che tutte le istanze dell’immagine, ossia i container, devono essere preventivamente eliminati, altrimenti riceveremo il seguente messaggi di errore:

				
					Error response from daemon: conflict: unable to remove repository reference "busybox:latest" (must force) - container 9e66f9c797f9 is using its referenced image ec3f0931a6e6
				
			

È pertanto necessario utilizzare il seguente comando per eliminare il container:

				
					docker rm busybox-playground
				
			

In questo esempio il container era stato creato con nome busybox-playground.

A questo punto è possibile lanciare il comando per cancellare l’immagine

Eliminare tutti i container

Nel caso in cui l’immagine  Docker fosse stata lanciata molteplici volte è necessario eliminare tutte le sue istanze container. Ciò può essere fatto manualmente lanciando il comando indicato sopra, ma può essere particolarmente time-consuming nel caso in cui le istanze dovessero essere molte. In questo caso è consigliato utilizzare il seguente comando per eliminare tutti i container (attenzione che solo i container non in esecuzione verranno eliminati).

				
					docker rm $(docker ps -a -q)
				
			

Eliminare tutti i container e la relativa immagine associata

				
					docker rm $(docker ps -a -q)
docker image rm busybox
				
			

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Most Recent

Come estrarre informazioni hardware su Ubuntu

Per estrarre informazioni relative all’hardware su cui è in esecuzione il nostro sistema operativo Ubuntu possiamo utilizzare il comando dmidecode il quale si occupa di

Come esportare i crontab su Ubuntu

La migrazione del contenuto di una macchina Ubuntu ad un’altra può includere anche il backup e il restore dei crontab. Qui di seguito vediamo il