Come installare OpenSSH utilizzando PowerShell

OpenSSH è uno strumento di connettività per l’accesso remoto che utilizza il protocollo SSH. Crittografa tutto il traffico tra client e server per eliminare intercettazioni, dirottamenti della connessione e altri attacchi.

Installare OpenSSH usando PowerShell

Per installare OpenSSH utilizzando PowerShell, eseguiamo PowerShell come amministratore. Per assicurarci che OpenSSH sia disponibile, eseguiamo il seguente cmdlet:

				
					Get-WindowsCapability -Online | Where-Object Name -like 'OpenSSH*'
				
			

Questo dovrebbe restituire il seguente output se nessuno dei due è già installato:

				
					Name  : OpenSSH.Client~~~~0.0.1.0
State : NotPresent

Name  : OpenSSH.Server~~~~0.0.1.0
State : NotPresent
				
			

Quindi, installiamo i componenti del server o del client secondo necessità:

				
					# Install the OpenSSH Client
Add-WindowsCapability -Online -Name OpenSSH.Client~~~~0.0.1.0

# Install the OpenSSH Server
Add-WindowsCapability -Online -Name OpenSSH.Server~~~~0.0.1.0
				
			

Entrambi dovrebbero restituire il seguente output:

				
					Path          :
Online        : True
RestartNeeded : False
				
			

Rimuovere OpenSSH usando PowerShell

Per rimuovere i componenti di OpenSSH usando PowerShell utilizziamo i seguenti comandi:

				
					# Uninstall the OpenSSH Client
Remove-WindowsCapability -Online -Name OpenSSH.Client~~~~0.0.1.0

# Uninstall the OpenSSH Server
Remove-WindowsCapability -Online -Name OpenSSH.Server~~~~0.0.1.0
				
			

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Most Recent

Come estrarre informazioni hardware su Ubuntu

Per estrarre informazioni relative all’hardware su cui è in esecuzione il nostro sistema operativo Ubuntu possiamo utilizzare il comando dmidecode il quale si occupa di

Come esportare i crontab su Ubuntu

La migrazione del contenuto di una macchina Ubuntu ad un’altra può includere anche il backup e il restore dei crontab. Qui di seguito vediamo il